RSS

Conformità e dinamiche di gruppo: l’impatto di indebita influenza sui nuovi membri

06 Ott

Risultati immagini per Lee Marsh cult

by Lee Marsh

Ricordo che qualche anno fa la gente ha iniziato a utilizzare l’American Sign Language per indicare il  “Ti amo”. Sembrava che ovunque guardassi, la gente univa le mani comuncando il “ti amo” alla gente. Da interessata al linguaggio dei segni, ho subito seguito l’esempio.

Ultimamente, le persone usano entrambe le mani per formare un cuore, presumibilmente per dire “Ti amo.” In poco tempo abbiamo visto ovunque questo gesto, e le persone che in realtà dicevano: “I heart you”. Mi sono interessata anche a questo gesto. Forse sto solo diventando troppo vecchia per conformarsi a una moda che molto probabilmente sarà rapidamente dimenticata e sostituita da altro.

Ma perché iniziamo così facilmente a fare qualcosa semplicemente perché gli altri lo stanno facendo, e perché appena vediamo gli altri fare qualcosa, ci sentiamo in dovere di imitarli?

La conformità al gruppo è molto più potente di quanto ci rendiamo conto: siamo esseri sociali. Ci piace sentirci appartenenti a qualcosa; noi siamo parte di una comunità più grande. Ci dà un senso di comfort e sicurezza l’appartenere a un gruppo.

Secondo il dizionario Merriam-Webster, conformità significa:

– adottare un comportamento identico alla maggior parte delle altre persone in una società, gruppo, etc.
– obbedire a qualcosa

Secondo Saul McLeod, la conformità è un “tipo di influenza sociale che implica un cambiamento nelle credenze o nel comportamento, al fine di adattarsi al gruppo“. Egli continua dicendo che il cambiamento è una risposta alla pressione del gruppo reale o immaginaria. La pressione del gruppo reale richiede la presenza di altre persone del gruppo, mentre la pressione del gruppo immaginaria coinvolge le aspettative delle norme sociali del gruppo – ciò che una persona pensa di cui hanno bisogno per poter appartenere al gruppo.
In questo video, una ragazza entra in una sala d’attesa affollata, dove degli attori, senza alcuna ragione apparente, si alzano appena ricevono un segnale acustico. Alla fine, la ragazza si adegua ai suoi compagni, dopo solo un paio di ripetizioni del comportamento. Ancora più affascinante è che, anche se nessuno le ha spiegato il perché lei dovrebbe stare in piedi, e quindi non poteva aver capito o anche accettato il ragionamento, ella continuava ad alzarsi anche dopo che tutti gli altri avevano lasciato la stanza. Anche altre persone entrate successivamente  hanno imitato il comportamento fino a quando finalmente una persona ha rifiutato di conformarsi.

Che cosa succede quando un potenziale convertito partecipa a una riunione di culto dove un sacco di persone sono conformi a determinate regole? Osservate qualsiasi potenziale neofita ignaro in alcuni incontri di culto e noterete che in poco tempo il suo modo di vestire cambierà. Il suo modo di parlare cambierà. Il suo comportamento cambierà. Anche le sue risposte emotive e gli atteggiamenti per le cose cambieranno. Egli seguirà il gruppo guidato da una sola persona.

Ho notato che questo cambiamento avviene in un paio di settimane. Quanto più il neofita vuole diventare parte del gruppo, tanto più egli emulerà tutti i comportamenti degli adepti – da come si vestono a come parlano. A questo si aggiunge che molti convertiti potenziali sono istruiti alla mentalità del gruppo in modo che siano sensibilizzati ad accettare queste modifiche.

Sam McLeod ci dice: “il termine conformità è spesso usato per indicare un accordo con la posizione di maggioranza, derivata sia dal desiderio di ‘adattarsi’ o essere amato (normativo) o a causa di un desiderio di essere corretto (informativo), o semplicemente per conformarsi a un ruolo sociale (identificazione)”. Quindi, se si inizia a comportarsi come i membri del gruppo, parlare come loro e guardare come loro, allora questi cambiamenti saranno visibilimente in accordo con le credenze del gruppo.

Il cambiamento è sottile. E’ sotterraneo. E’ difficile da vedere, a meno che non lo si conosca e non si comprenda cosa sia per essere in grado di prendere decisioni basate su scelte ragionate, invece di conformarsi ad alcune norme del gruppo.

Dopo che una persona è nel gruppo, ci vuole grande coraggio e sacrificio per fermare la conformità al gruppo, anche quando le regole del gruppo non hanno senso, o quando si ha idea del perché esistono delle regole. È possibile interrompere solo quando ci si libera e si ha modo di riflettere sul significato delle credenze e dei comportamenti del gruppo. Questa semplice realtà ha bisogno di essere molto più ampiamente conosciuta.

Fonte: http://openmindsfoundation.org/undue-influence-explanation/conformity-and-group-dynamics-the-impact-of-undue-influence-on-new-group-members

——————————————

Traduzione di Lorita Tinelli

Avvertenza: Questa traduzione non è stata realizzata da traduttori professionisti, pertanto ci scusiamo per eventuali errori.

Gli articoli apparsi su questo blog possono essere riprodotti liberamente, sia in formato elettronico che su carta, a condizione che non si cambi nulla e  che si specifichi la fonte

Annunci
 
Lascia un commento

Pubblicato da su 6 ottobre 2016 in Traduzioni

 

Tag:

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
controllomentale

A cura di Lorita Tinelli

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: