RSS

‘Deprogrammazione’ dal FLDS, il culto misterioso di Warren Jeffs

20 Apr

by Joanna Walters

Ex seguaci del FLDS condividono le loro storie sul perché l’hanno lasciato e come si stanno adeguando alla vita al di fuori

FLDS

SALT LAKE CITY – Un giorno Kenneth Thomas lasciò la moglie, Margaret, e i loro otto figli, sperando che potessero “svegliarsi” dall’incantesimo e che abbandonassero la Chiesa Fondamentalista di Gesù Cristo dei Santi degli Ultimi Giorni, o FLDS, la setta religiosa segreta cui appartenevano, così la famiglia avrebbe potuto presto essere riunita all’esterno.

Tutti piangevano. Mio figlio mi ha chiesto di non andare via. Gli ho risposto, – ‘Un giorno voi ragazzi capirete. Basta che siate sicuri che io vi amo. Io farò tutto il meglio’. – Ho dato a tutti un abbraccio. Ho tenuto la mano di mia moglie, poi sono salito nella mia macchina e sono andato“, dice oggi Thomas, che si fa chiamare Ben, soffocato dai ricordi.

Sono passati quasi due anni dalla sua partenza e la famiglia di Thomas è ancora sotto l’incantesimo del FLDS. Margaret e Ben, che sono stati insieme per 17 anni, fino a quando egli ha lasciato [il gruppo], sono vicini al divorzio. In fondo, egli dice che ancora si amano, ma gli anziani della chiesa li hanno spinti a separarsi. I suoi figli, che vanno dall’età tra i 4 e i  18 anni, restano in silenzio durante le sue visite. Sono stati indottrinati, dice, all’ortodossia della setta, che sostiene che i seguaci che lasciano o sono scomunicati sono “del diavolo” e devono essere condannati.

Un gruppo scissionista della chiesa mormone che si è distaccato alla fine del 19° secolo, quando la religione ha vietato la poligamia, il FLDS è sopravvissuto come setta fuorilegge da allora. La maggior parte dei suoi circa 10.000 seguaci vive nel villaggio remoto che cavalca le città gemelle di Hildale, Utah e Colorado City, in Arizona. Nonostante i suoi tentativi di isolamento, negli ultimi dieci anni, il FLDS ha ripetutamente fatto notizia in tutto il mondo dopo che il suo leader unto, il “profeta” Warren Jeffs, è stato braccato e incarcerato per violenza sessuale aggravata nel 2011. Per il suo gregge, tuttavia, rimane la voce di Dio e trasmette i suoi editti da dietro le sbarre attraverso i suoi fratelli minori Lyle, un vescovo della Chiesa, e Nephi, che è utilizzato come l’assistente personale di Warren Jeffs.

La storia di Thomas non è insolita per le famiglie nel FLDS. Esse possono essere distrutte in un momento  su ordine del vescovo, che parla per il profeta incarcerato, e che quindi in ultima analisi, i seguaci di Jeffs credono, per Dio. Ma le sentenze religiose dure e la rivelazione di reati di Warren Jeffs stanno portanto lontano molti fedeli. I membri del FLDS stanno abbandonando la setta a centinaia, in un esodo che minaccia il futuro dei fondamentalisti.

Thomas crede che Jeffs stia perdendo la sua lucidità nella prigione di Stato in Palestina, Texas, dove sta scontando una condanna a vita, oltre a 20 anni per violenza sessuale su minorenni. (Nel suo periodo di massimo splendore come profeta, Jeffs aveva decine di mogli, qualche adulta, molte minorenni). Ora, i suoi ordini sono molto più severi rispetto al passato. Molti sentono che sta cercando di controllare ogni aspetto della vita quotidiana dei suoi seguaci.  – non solo i dettagli dei vestiti che devono indossare, ma anche quello che possono e non possono mangiare e esattamente come dovrebbero lavarsi le mani per rimanere “puri“.

E’ pazzesco, sostiene Thomas. I bambini non sono autorizzati a giocare nel parco della città, e i giocattoli sono vietati. I libri non religiosi, la televisione e quasi tutti gli accessi a Internet sono banditi.

Il FLDS non ha risposto ad una richiesta scritta di commento inviato a Lyle Jeffs.
In un caffè, alla periferia di Salt Lake City, dove egli assapora una tazza di zuppa,  Thomas ha gli occhi pieni di lacrime mentre racconta la catena di eventi che hanno portato alla sua partenza. Era stato via per lavoro ad un’asta vicino a Las Vegas e stava tornando a casa a Hildale quando Margaret l’ha chiamato per dirgli che aveva incontrato il vescovo.
Dal tono della sua voce ho capito che qualcosa stava per mettere a rischio il mio mondo“, ricorda Thomas, sorridendo ironicamente. La sua voce ha quel bordo di umorismo nero di chi è stato tradito come alternativa alla amarezza.
Dopo aver guidato gli ultimi chilometri in tutta la distesa di deserto arido che continua a occhi indiscreti dall’insediamento religioso, tornò a casa sua. Vide Margaret, sua madre e due delle sue sorelle impegnate in una tesa discussione in cortile. All’interno della casa, Margaret gli aveva detto che il vescovo aveva mandato a dire che dovevano essere separati gli uni dagli altri e dai loro figli e sospesi dal FLDS fino a che non avessero ricevuto il giudizio circa la punizione  per aver trasgredito le regole della chiesa.
Io fondamentalmente sapevo che voleva dire fino a che noi saremmo stati sbattuti fuori a calci. L’ho visto accadere. Era inevitabile“, dice Thomas.

FLDS

I leader possono  scomunicare o riammettere nella setta. Ma in quest’ultimo caso, mentre la leadership pesava la sua decisione di consentire alla famiglia di ritornare, essa era costretta a “pentirsi da lontano“, che significava che la famiglia avrebbe dovuto allontanarsi per un periodo di preghiera che poteva durare per anni. Molti di coloro che sono sospesi non sono autorizzati a tornare; Thomas sapeva che avrebbe perso i suoi cari.
Il suo peccato primario era che stava usando la contraccezione, vietata all’interno della setta. Inoltre egli sospettava che anche la sua famiglia non era considerata sufficientemente devota.

Thomas usciva per escursioni di domenica, quando c’era il sole, piuttosto che andare in chiesa. E quando essi la frequentavano, si diceva che non prestassero sufficiente attenzione alle prediche. Una, egli  ricorda, era andata avanti per sei ore. Sua moglie aveva avuto un aborto spontaneo, Thomas dice. “La Chiesa considera il controllo delle nascite e gli aborti come omicidi di bambini, e si verrà giudicati per questo“.

Margaret Thomas voleva restare fedele e accettare la punizione, dice Thomas, mentre egli era cresciuto ed era disincantato rispetto alle disposizioni sempre più rigorose emanate dagli anziani e sapeva che non poteva farlo. Così ha lasciato, sperando che i bambini potessero raggiungerlo presto, ma Margaret vive ancora in Logan, Utah, al di fuori del FLDS, in attesa di permesso di tornare. Egli ha cercato di convincerla a staccarsi, ma ella non ascolta, dice. L’ultima goccia che ha fatto traboccare il vaso è stata quando Thomas ha chiesto perché i bambini avevano smesso di chiamarlo “padre” e Margaret gli ha risposto, egli dice, che spiritualmente Warren Jeffs è il loro padre. “Ho deciso che era la fine“.

Ora, Thomas si appresta a presentare documenti per il divorzio, e  sta discutendo i termini di Margaret, nel tentativo di evitare il tribunale. Thomas vuole la custodia legale congiunta dei figli, ma permetterà ai bambini di vivere con la madre a condizione che egli abbia il diritto di visita e che ella faccia loro frequentare una scuola pubblica piuttosto che la homeschooling, come è d’uso in FLDS.

Vuole parlare del dolore che gli anziani della chiesa stanno infliggendo, Thomas dice, e mostrare che lui è determinato a sopravvivere all’esterno. Anche se di tanto in tanto ha un tracollo, trema e singhiozza per quello che ha perso, sta costruendo una nuova vita, pezzo per pezzo. Recentemente ha trovato un lavoro in un call center e  ascolta musica e va al cinema. Egli crede ancora in Dio, ma ha tagliato con tutte le religioni organizzate. Non potrebbe tornare al FLDS, dice Thomas, neppure per i suoi figli: “E’ diventato troppo strano“. Si guarda intorno, guarda la gente nel negozio di caffè. “Nonostante il dolore degli ultimi anni, la vita si percepisce  più normale solo qui“.

FLDS

Thomas dice che si è adattato alla sua nuova vita che ora ha, in parte grazie ad un’esperienza catartica che ha fatto l’anno scorso quando ha incontrato un vecchio avversario dei suoi giorni nel FLDS. Nel 2007, ha testimoniato per Warren Jeffs al processo del leader di FLDS a St. George, Utah. Jeffs era stato accusato come complice di stupro per aver forzato una ragazza di 14 anni, Elissa Wall, a sposare  il suo primo cugino. (Nella FLDS, i matrimoni “celestiali” – vale a dire, non legittimi – sono un modo comune per aggirare le leggi sulla poligamia). Dopo la fuga dalla setta, all’età di 18 anni, la Wall divenne un’attivista anti-FLDS. Lei era notoriamente una delle poche testimoni contro Jeffs al processo.

Nella scorsa tarda estate, Thomas ha incontrato la Wall per la prima volta da quando erano ai lati opposti della battaglia legale tanti anni fa. La Wall lo aveva contattato per discutere di una causa legale in Idaho in cui il FLDS era accusato di mandare ragazzi adolescenti lontano dai loro genitori, a volte per anni, per “peccati” così banali come inviare sms alle ragazze. Non molto tempo dopo, l’ha chiamato e si sono incontrati  in un centro commerciale della periferia di Starbucks. “Elissa mi è stata subito simpatica ed  era molto gentile”, dice Thomas. “Mi ha detto che comprendeva che la maggior parte delle persone presenti non sanno che tipo di uomo è Warren e stanno solo facendo il loro meglio nella vita“.

Quando lui parla del loro incontro, la simpatia per quello che sta vivendo la Wall è evidente. Si calcola che ha impiegato circa tre anni per raggiungere un senso di stabilità e di fiducia dopo aver lasciato il FLDS, e ora passa il suo tempo libero ad aiutare gli altri ad uscire. Lei ospita le persone nella sua accogliente casa fino a che non riescono ad alzarsi in piedi e li aiuta a ottenere la patente di guida,  una consulenza legale, un posto di lavoro o l’iscrizione ad un corso di formazione GED.

Con l’incoraggiamento alla homeschooling del FLDS, i seguaci crescono imparando la sacra scrittura e le dichiarazioni di Warren Jeffs, ma sono gravemente carenti in geografia, matematica, storia e altre materie di base. Molti lasciano [il gruppo] con un vorace appetito  verso la conoscenza.

La Wall sta aiutando una giovane donna, che è uscita la scorsa estate, ad adattarsi alla vita al di fuori. Ora iscritta nelle classi del college, la donna non è pronta ad esporsi pubblicamente perché la madre vive ancora all’interno della setta, in Hildale, ed ella teme che potrebbe essere  punita, se la figlia parlasse. Quando gli anziani della chiesa hanno scoperto che i parenti della giovane donna all’esterno stavano cercando di tirarla fuori, ella è stata trasferita in luoghi segreti e tenuta al chiuso, così che i suoi familiari non potevano trovarla. Alla fine è riuscita a sgattaiolare e ha telefonato ad una sorella che era uscita alcuni anni prima ed era in grado di tirarla fuori.

FLDS

La donna, nei suoi 20 anni, è seduta sul grande divano a parete del soggiorno, sgranocchia un sandwich di tacchino. Lei sorride, ma è stanca. “Ho iniziato il Community College questa settimana. E’ sconvolgente. Ci sono così tante persone! E io non so come comportarmi“, dice, ridendo nervosamente.

Lei sta trovando esaltante la sua libertà, ma anche sconcertante, a volte. “Sto avendo un momento difficile per scelte semplici. Prima, l’unica scelta era il vestito rosa o il vestito blu o forse il vestito verde – non c’erano molti modi per esprimere se stessi“, dice.

La giovane donna vive in una casa sicura per il momento; la Wall, che vive nelle vicinanze, la sta aiutando a recuperare la sua educazione. “Quando si lascia [il gruppo], tu sei come un grande bambino con nessuna idea di come funziona il mondo esterno. Ti senti come se stessi partendo da zero“, dice la donna. Ella si sente  come se fosse in  “deprogrammazione” dalla sua vita precedente: “Mi sento ancora un po’ aliena“.

Ma ella è anche entusiasta della sua libertà, non solo per le nuove esperienze che le consente, ma anche per la possibilità di sognare. “Quando penso alla mia formazione penso che voglio studiare all’estero, forse a Londra” dice, raggiante.

Questa giovane donna è una dei fortunati. Lei si sta adeguando relativamente bene alla vita all’esterno. Shelli Mecham, un assistente sociale diplomata a Salt Lake City che fornisce consulenza alle persone che hanno lasciato i gruppi poligami fondamentalisti, vede molti che sono più in difficoltà. “Alcune persone impiegano anni dopo l’uscita da un ambiente psicologico soffocante, dove viene detto loro costantemente  quello che possono e non possono fare e cosa pensare” dice. “Altri trovano più facile costruire una nuova vita, passo dopo passo, l’abitudine a prendere le proprie decisioni, ma ci vuole un sacco di tempo e determinazione“.

Molti cadono nella droga o nell’abuso di alcol, nella promiscuità incontrollata o nella depressione paralizzante. “Ce ne sono un sacco con problemi di attaccamento, soprattutto se le persone sono state strappate alle loro famiglie. Essi devono passare attraverso un processo di lutto e sentirsi in colpa per quelli che hanno lasciato alle spalle. Molti provano vergogna perché sono stati maltrattati o rabbia perchè hanno dato così tanto nel loro servizio alla chiesa … e poi tutto è crollato“.

Il FLDS non è l’unico gruppo poligamo in Utah con cui Mecham lavora, ma si crede sia  il più grande ed è sicuramente il più noto per il suo profeta conosciuto e per il  controllo della vita dei suoi membri. Mecham dice di incoraggiare i membri ex FLDS a trovare la propria identità, e costruire la loro stima, cosa fondamentale. “Sono costantemente in discussione con se stessi perché il loro ego era tutto avvolto nella devozione all’autorità di questa religione“.

FLDS

Se alcuni cominciano a mettersi in discussione dopo aver lasciato la setta, per altri il dubbio è iniziato molto prima. Da quando riesce a ricordare, Kathwren Steed si è sentita soffocata dalla struttura del FLDS. Da bambina si sarebbe trovata nei guai se non avesse letto più e più volte il  Libro di Mormon, come viene imposto ai bambini nella setta. Ma crescendo in Hildale, tutti intorno a lei erano devoti ed obbedienti, così ella ha cercato di seguirne l’esempio. Come con il primo cugino di Warren Jeffs, che era membro di alto profilo della chiesa, e lei ha fatto del suo meglio per soffocare i suoi sentimenti.

Quando è uscita 10 anni fa, Steed si sepolta nei libri e su Internet. Lei si crogiolava nel suo accesso illimitato a Google, dice, che era stato vietato perché i seguaci non venissero danneggiati da influenze esterne.

Ora, Steed, 26 anni, vive a Salt Lake City, dove sorseggia una birra in un bar del centro appena un isolato o due di distanza dall’enorme tempio mormone che domina la capitale dello stato dello Utah. Questa è la prima volta che parla con la stampa, e con il suo stile intelligente e pulito, gonna e giacca, poteva essere una qualsiasi giovane professionista tra la folla dopo il lavoro. “Grazie a Dio per Internet“, dice Steed. “Ho imparato a mettere il mascara guardando YouTube“.

Steed aveva quasi 16 anni, dice, quando il padre voleva darla in sposa ad un uomo che era quasi cinquantenne e aveva già tre mogli. Così per prendere tempo, “Gli ho detto che stavo pregando per questo e non ero ancora pronta“.

Ma il problema non era la loro differenza di età, le mogli sorelle o se a Steed piaceva l’uomo. Il problema era che ella era lesbica. In realtà, lei aveva una fidanzata segreta all’interno della setta.

Eravamo state migliori amiche per anni, poi tutto ad un tratto era successo“, dice ora. Le due ragazze hanno rotto ogni tabù in FLDS quando si sono baciate per la prima volta. “Io ero fuori di testa dopo“, ricorda Steed. “Sono stata in ginocchio per tutta la notte, pregando e vergognandomi“. Ma la loro attrazione era molto forte. Ben presto incominciarono ad incontrarsi di notte nella macchina di Steed nei parcheggi.

Abbiamo praticamente fatto tutto nel mio piccolo Dodge Neon“, dice con un sorriso. Pensavano che il loro segreto fosse al sicuro, ma alla fine le voci sulle “migliori amiche” cominciarono a girare.

I suoi genitori la sua misero di fronte ad un ultimatum: essere dannata all’inferno o rinunciare al suo amore proibito e sposarsi. Ella rispose loro che sarebbe partita. Sua madre ruppe in un  singhiozzo. Suo padre la prese e la portò da Lyle Jeffs per una lezione severa, e vedendo che questo non funzionava, la portò in giro con la macchina.

FLDS

Abbiamo guidato nel deserto, verso il Grand Canyon, fino a quando alla fine ci siamo fermati in mezzo al nulla“, dice. Lei si stupì nel vedere il cugino Warren Jeffs lì. Egli era accusato del reato di abuso su minori ed era allora un latitante ricercato e sulla lista dei maggiori ricercati dell’FBI e in fuga dalla legge. Ma era comunque aiutato dalla setta a nascondersi in tutti gli Stati Uniti occidentali.

Anche le parole del profeta non ebbero presa su di  lei. I suoi genitori alla fine la lasciarono a St. George, una piccola città in cui da bambina era solita acquistare segretamente romanzi e CD musicali, quando faceva shopping nel locale Walmart con la madre. Pochi mesi più tardi, la ragazza di Steed la raggiunse. Le amanti rimasero con i parenti, tra cui anche ex FLDS, ma alcuni suoi parenti omofobi di St George trovarono l’esperienza di Steed viziosa, lei dice. Quando aveva 21 anni, Steed si trasferì a Salt Lake City con la sua ragazza, anche se la coppia si separò subito dopo.

Quattro anni fa, Steed stava lavorando in un bar per lesbiche in città quando  arrivò una donna matura. Dixie Allen le sortiva fiducia, e Steed aveva notato le sue lunghe gambe e gli occhi scuri. Allen, a sua volta, ha trovato Steed adorabile col suo cappello bianco e nero sbarazzino e continuava a chiamare Steed continuando ad ordinare per lei e i suoi amici. Più tardi quella sera, dopo che Allen era andata via, Steed si avvicinò al tavolo per riordinare e trovò un tovagliolo con su scritto il nome e il numero di Allen. Sono insieme da allora. “Ho ancora quel tovagliolo“, dice Steed.

Allen, 45enne, è una psicoterapeuta a Salt Lake City e Steed, ora sua moglie, è il suo capo ufficio. Allen è stato allevata tra i  Mormoni (anche se lei ora è atea), quindi la cultura FLDS della sua compagna non le era sconosciuta. “Crescendo, sapevamo dove le famiglie poligame vivevano in città, e non infastidivano nessuna di loro. Questa è stata la decisione: “Lasciare in pace”, dice Allen.

Le due donne hanno anche avuto visite clandestine dalla madre di Steed in Hildale, che si intrufolava di notte per incontrarle. “Era molto più amichevole di quanto mi aspettassi. E sapeva che stavamo insieme. E’ stato grande“, dice Allen.
Steed finisce il suo drink e si allontana dal bar. Guarda Allen e sorride. Ne hanno passate tante, ma sono sopravvissute, anche perché Allen non le ha mai recriminato la sua storia in FLDS. “E’ stato così bello trovare qualcuno che ha capito il mio passato e non mi ha mai giudicato“, dice Steed.
E’ una lezione che potrebbe rivelarsi utile per Ben Thomas, che sta solo ora pensando alla sua prossima occasione. Dopo il suo matrimonio combinato con Margaret, all’età di 23 anni, ora è alla ricerca di una ragazza per la prima volta nei suoi 40 anni ed è una prospettiva scoraggiante. “Trovare qualcuno che conosce un po’ della cultura [FLDS] probabilmente sarebbe utile“, dice Thomas con la sua abilità per gli eufemismi. Ma non è alla ricerca di un particolare tipo di persona. “Vorrei solo trovare una donna che mi ami“.

Fonte: http://america.aljazeera.com/multimedia/2015/3/deprogramming-from-the-flds-warren-jeffs-cult.html

———————————

Traduzione di Lorita Tinelli

Avvertenza: Questa traduzione non è stata realizzata da traduttori professionisti, pertanto ci scusiamo per eventuali errori.

Gli articoli apparsi su questo blog possono essere riprodotti liberamente, sia in formato elettronico che su carta, a condizione che non si cambi nulla e  che si specifichi la fonte

Annunci
 
Lascia un commento

Pubblicato da su 20 aprile 2015 in Traduzioni

 

Tag: , , ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
controllomentale

A cura di Lorita Tinelli

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: