RSS

Il fondamentalismo religioso potrebbe presto essere trattato come una malattia mentale

04 Gen

Kathleen Taylor, neurologa all’Università di Oxford, ha affermato che i recenti sviluppi suggeriscono che saremo presto in grado di trattare il fondamentalismo religioso e altre forme di credenze ideologiche potenzialmente dannose per la società come una forma di malattia mentale.

Ella l’ha riferito nel corso di un discorso al Literary Festival Hay in Galles, Mercoledì. Ha detto che le ideologie radicalizzanti potrebbero presto essere viste non come una scelta personale o di libero arbitrio, ma come una caratteristica del disturbo mentale. Ha detto che i nuovi sviluppi delle neuroscienze potrebbero permettere di considerare gli estremisti come persone con malattie mentali, piuttosto che come criminali.
Ha affermato al Times di Londra: “Una delle sorprese può essere quella di vedere le persone con certe credenze come persone che possono essere curate. Qualcuno che ha per esempio radicalizzato un’ideologia cultista – potremmo smettere di vederlo come colui che ha fatto una scelta personale e che ha scelto a seguito di puro libero arbitrio  – può essere curato come affetto da disturbo mentale“.


La Taylor ammette che la portata di quello che potrebbe finire per essere etichettato come “fondamentalista” è elevata. Ha continuato: “Non sto parlando solo dei candidati ovvi all’Islam radicale o di alcuni dei culti più estremisti, sto parlando di cose come la convinzione che sia OK picchiare i propri figli. Queste credenze sono molto dannose, ma non sono normalmente classificate come malattia mentale. In tal caso potrebbe essere una cosa molto positiva perché queste non sono credenze dubbie nella nostra società che potrebbero provocare danni, essere causano davvero un sacco di danni“.
L’Huffington Post riferisce che la Taylor mette in guardia circa le complicazioni morali ed etiche che potrebbero sorgere.
Nel suo libro “The Brain Supremacy” ella scrive della necessità di “stare attenti quando si tratta di sviluppare tecniche in grado di entrare nella testa per manipolare direttamente il cervello. Non possono essere moralmente neutrali questi strumenti in tutto il mondo per la loro finalità; quando il soggetto in questione è un essere umano, la moralità alza inevitabilmente il suo livello di attenzione. Le tecnologie che hanno profondamente cambiato il nostro rapporto con il mondo che ci circonda non possono essere semplicemente strumenti da utilizzare per il bene o il male, se alterano la nostra percezione di base di ciò che sono il bene e il male“.

La dimensione etico-morale si pone dalla tendenza prevedibile che agendo sul problema, col supporto di una nuova tecnologia, essa applica l’etichetta “fondamentalista” solo ai nostri avversari ideologici, pur non riuscendo a percepire il “fondamentalismo” in noi stessi.
Dal punto di vista della mentalità occidentale, per esempio, la tendenza a equiparare “fondamentalismo” esclusivamente all’islamismo radicale è troppo allettante. Ma quanto il “fondamentalismo” di un Osama Bin Laden è quanto di quello di una nazione con ideologia capitalista che bombarda a tappeto aree urbane civili in Laos, Cambogia e Corea del Nord?
L’ossessione del jihadista di difendere la sua islamica visione del mondo ideologico che lo porta a commettere e giustificare tali atti di barbarie come l’omicidio Woolwich sono della stessa natura, come l’ossessione evangelica con la diffusione della pseudo-religione ideologica del capitalismo che ha portato a tali crimini orrendi, come l’assassinio di centinaia di migliaia di civili in quattro anni di attività di bombardamento a tappeto da parte dell’amministrazione Nixon, catturato in una morsa di paranoia anticomunista.
Il potere di controllare la mente tenderà troppo facilmente ad essere usato come arma contro i nostri nemici jihadisti, mentre giustificherà le azioni altrettanto irrazionali e mortalmente nocive che defininiamo innocentemente “politica estera”.
Alcuni analisti sono quindi convinti che i neuroscienziati adotteranno un approccio parrocchiale e quindi in definitiva controproducente se insistono sulla identificazione particolare dei sistemi di credenze ideologiche, caratteristiche come soggetto primario per la manipolazione terapeutica.
Su una scala molto più grande e potenzialmente più feconda è il riconoscimento che l’intero dominio delle credenze religiose, convinzioni politiche, fervori patriottici nazionalisti sono di per sé piattaforme potenti per coltivare il ” Noi vs Loro”. Fantasie deliranti paranoiche che lavorano  distruttivamente in un attacco del 9/11 o in un orgia di distruzione di massa di Hiroshima/Nagasaki.
Quello che percepiamo dalla nostra prospettiva, come  nostra legittima reazione di autodifesa per la psicosi del nemico, è dal punto di vista dello stesso nostro nemico  la nostra altrettanto maligna auto-ossessione psicotica.
L’Huffington Post riferisce che questa non è la prima volta che la Taylor ha scritto un libro su estremismo e fondamentalismo. Nel 2006 ella scrisse un libro sul controllo mentale dal titolo “Lavaggio del cervello: la Scienza del Controllo del Pensiero”, in cui ha esaminato le tecniche che i gruppi settari usano per influenzare le vittime.
Ha detto: “Tutti noi cambiamo le nostre credenze ovviamente. Tutti noi convinciamo gli altri a fare delle cose; noi tutti guardiamo la pubblicità; noi tutti veniamo istruiti e facciamo esperienza [religioni]. Il lavaggio del cervello, se volete, è la punta estrema di tutto questo: è un tipo di tortura psicologica più coercitivo e forte“.
Ella fa notare giustamente che il “lavaggio del cervello”, che abbraccia tutti i modi sottili e non-così-sottili  “fa pensare alla gente ciò che potrebbe non essere buono per lei o ciò che non potrebbe, piuttosto che portarla a pensare“:  è molto più pervasivo del  fenomeno sociale che siamo disposti a riconoscere. Come animali sociali siamo tutti vittime del lavaggio del cervello culturalmente indotto, la cui efficacia è correlata con la nostra incapacità di pensare fuori dagli schemi della nostra data acculturazione.

Fonte: http://www.digitaljournal.com/article/351347#ixzz3NlXaezZp

———————————

Traduzione di Lorita Tinelli

Avvertenza: Questa traduzione non è stata realizzata da traduttori professionisti, pertanto ci scusiamo per eventuali errori.

Gli articoli apparsi su questo blog possono essere riprodotti liberamente, sia in formato elettronico che su carta, a condizione che non si cambi nulla e  che si specifichi la fonte

Annunci
 
Lascia un commento

Pubblicato da su 4 gennaio 2015 in Traduzioni

 

Tag: , , , , ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
controllomentale

A cura di Lorita Tinelli

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: