RSS

Adesione al gruppo dei TdG: come e perchè

18 Feb

Negli ultimi anni si sta assistendo, nei paesi occidentali, al proliferare di nuove forme di culto. Anche nella cattolica Italia, esse sono in vorticoso aumento.

La maggior parte di questi nuovi gruppi incentra il proprio fulcro dottrinale sulla profezia dell’imminente fine del mondo, coincidente con la fine del secondo millennio.

Purtroppo, pur proponendosi ai propri adepti come unica fonte di salvezza, questi gruppi sempre più spesso sono coinvolti in episodi di cronaca nera. Qualcuno di voi certamente ricorderà che:

  • nel 1978, circa 900 seguaci, tra adulti e bambini, della setta Il Tempio del Popolo del reverendo Jim Jones, si suicidarono assumendo del cianuro a Jonestown, nella Guyana. Tra i suicidi vi furono lo stesso Jones, sua moglie e suo figlio;
  • nel 1986, nelle Filippine, 300 seguaci della setta dei Cristiani benevolenti, armati di coltello, assaltano il villaggio di S. Antonio, nell’isola di Mindanao. Vengono messi in fuga dalla polizia dopo uno scontro in cui 15 adepti rimangono uccisi;
  • nel 1993 a Waco, in Texas, dopo 51 giorni di assedio, 83 aderenti alla setta di Davidi Koresh morirono nell’incendio del deposito in cui si erano asserragliati, dopo l’assalto della polizia: qualche mese prima 4 poliziotti erano rimasti uccisi mentre indagavano sulla setta;
  • nel 1995, vengono ritrovati i corpi bruciati di 16 adepti della setta del Tempio del sole, in Francia. Essi erano sicuri di poter approdare, così facendo, alla Loggia Bianca della stella Sirio, allo scopo di raggiungere altri 51 confratelli, che alcuni mesi prima si erano suicidati con lo stesso metodo.

Casi come questi ed altri, che la cronaca ci riporta di tanto in tanto, rappresentano sicuramente casi estremi di una paranoia collettiva, ma sono sintomatici di quanto possa essere forte, in determinate condizioni, l’influenza di particolari forme di organizzazione sugli individui.

 

Si tratta quindi di casi estremi, ma è inevitabile a questo punto pensare ad altre notizie che sfortunatamente leggiamo sui giornali a proposito della morte di Testimoni di Geova a causa del rifiuto delle emotrasfusioni.

Ecco alcuni esempi tratti dalla stampa:

1. (La Sicilia, 15/6/90) Genitori rapiscono la loro bimba leucemica: A Londra una bambina di 2 anni, affetta da leucemia, è stata rapita dai suoi genitori entrambi TdG, dall’ospedale in cui era ricoverata, per evitare che fosse trasfusa. Tale atto è stato motivato soprattutto dalla dichiarazione di affidabilità della bambina effettuata dal giudice dei minori, affinchè fosse sottoposta alla terapia anche senza il consenso dei genitori.

2. (Trieste Oggi, 4/6/92) Lussino, muore dissanguata: Una bambina di 9 anni, Doris Glava, malata di leucemia milelinica, perde la vita perché sua madre, TdG, ha proibito ai medici di sottoporla alla trasfusione di sangue, che forse avrebbe potuto salvarla. Viene aperta un’inchiesta giudiziaria.

3. (Corriere della sera, 27/1/94) Geova, medici nei guai: a Messina un pensionato 65enne TdG perde la vita pur di non sottoporsi ad un intervento chirurgico e alla conseguente trasfusione sanguigna. La Magistratura mette sotto inchiesta i medici per non essersi opposti all’estrema volontà del paziente.

4. (La Repubblica, 30/12/98) No alla trasfusione, muore di parto: A Barletta morti madre e neonato a causa di una trasfusione di sangue rifiutata dal marito TdG.

Non è solo il problema del sangue ad aver preoccupato i TdG nell’arco della loro storia, ma anche l’accettazione o meno dei trapianti d’organo. Anche in questo caso, nei periodi in cui era bandita l’accettazione di organi altrui per volere divino, i TdG ne hanno tenuto fede ed hanno preferito perdere la vita!

Cosa hanno dunque in comune questi tragici fatti con le stragi che abbiamo evidenziato prima?

Sicuramente un suicidio collettivo dal punto di vista emotivo ci colpisce maggiormente per il numero dei morti nello stesso arco di tempo. Le morti dei TdG al contrario ci appaiono sporadiche.

Esiste un sito su Internet intitolato Memoriale delle vittime della Watchtower, dedicato a tutti i TdG che sono morti a causa dei decreti del CD a capo della Società Torre di Guardia, a proposito dei trapianti d’organo, delle vaccinazioni, trasfusioni e accettazioni di cure psichiatriche o psicologiche (che in quest’ultimo caso sono stati determinati da suicidi od omicidi per crolli depressivi).

I nomi delle vittime, elencate sul sito sono diversi, e ciascuno riporta una storia drammatica del soggetto deceduto.

 

Cosa spinge dunque un uomo ad affidare la propria vita ad gruppo? Che valore ha in questi casi la vita umana? Si parla tanto della proverbiale forze sovraumana che la madre esterna quando vede i suoi figli in difficoltà, cosa spinge dunque una madre a sacrificare le proprie creature in nome di una ‘fede’?

Perché dunque alcuni uomini si rinnegano al punto di far decidere ad altri come e quando devono morire?

 

Una ricerca da me realizzata sul gruppo dei TdG, che trova conferma in altri studi scientifici sul tema, ha evidenziato l’esistenza di una serie di tecniche di coinvolgimento utilizzate da questi gruppi organizzati per far proseliti e per far sì che essi restino fedeli per sempre alle regole del gruppo (Tecniche di persuasione tra i Testimoni di Geova, Città del Vaticano, 1998, p. 309).

Le tecniche di coinvolgimento non necessariamente prevedono modalità violente e fisiche, ma spesso sono sottili e incidono a livello psicologico di chi ne cade vittima.

Gli stessi TdG, fanno uno studio particolareggiato di queste tecniche, all’interno della scuola di Ministero Teocratico, al fine di far sempre più proseliti. Durante le ore di lezione, difatti, essi vengono seguiti da un Anziano ed acquisiscono le differenti di approccio attraverso simulazioni e giochi di ruolo.

I proclamatori poi sperimentano quanto hanno imparato, durante l’attività di servizio di porta in porta. Difatti, durante le loro visite, dopo aver appurato che l’individuo visitato è recettivo al messaggio del Regno, si prefiggono lo scopo di farlo diventare un nuovo proclamatore TdG, ovvero un nuovo venditore delle riviste Svegliatevi e Torre di Guardia: proprio quello che avviene nelle attività commerciali di multilivello!

Perché ciò possa accadere, è necessario demolire le sue vecchie credenze, i suoi vecchi schemi comportamentali, la sua vecchia personalità. Questo è sicuramente un processo graduale che si avvale di una serie di strategie. Ne elenco alcune:

  1. Stabilire un legame empatico. Ciò significa stabilire con la preda argomenti di condivisione, che tocchino la sua attuale situazione emotiva.
    Es. Esiste un libro a cui i TdG fanno riferimento per iniziare le conversazioni e/o rispondere alle eventuali obiezioni. Esso è Ragioniamo facendo uso delle Scritture.
    La coppia dei TdG alla nostra porta potrebbe quindi dirci: ‘Stiamo parlando con persone a cui interessa sapere come si possono affrontare in modo più efficace i problemi delle famiglie di oggi. Tutti cerchiamo di fare del nostro meglio, ma se ci fosse qualcosa in grado di aiutarci ad avere ancora più successo ci interesserebbe, non è vero?… La Bibbia ci pone dinanzi la speranza di un vero futuro per le nostre famiglie… (da Ragioniamo pag. 11).
    Con molta sicurezza ci sentiremo coinvolti da un simile argomento di discussione e daremo spazio alla loro propaganda.
  2. Levitare il suo grado tensionale allo scopo di creargli timore nei confronti del mondo esterno. Non è raro che al neofita vengano rivolte ingiunzioni di questo tipo:
    “Se vogliamo ricevere la vita eterna dobbiamo acquistare conoscenza di Dio, del suo Figlio e del suo Regno. Potete essere certi che Satana il Diavolo non vuole che acquistiate tale conoscenza e che farà di tutto ciò che è in suo potere per impedirvelo. Come? Un metodo è quello di fare in modo che incontriate opposizione, forse sottoforma di scherni. La Bibbia dice: – Tutti quelli che desiderano vivere in santa devozione unitamente a Cristo Gesù saranno anche perseguitati – (2 Timoteo 3:12) Può darsi che perfino intimi amici o parenti vi dicano che non sono d’accordo che voi esaminiate le Scritture. Gesù stesso avvertì: – In realtà, i nemici dell’uomo saranno quelli della sua propria casa. Chi ha più affetto per suo padre o madre che per me non è degno di me; e chi ha più affetto per figlio o figlia che per me non è degno di me (Matteo 10: 36, 37)” (da Potete vivere per sempre su una terra paradisiaca, pp.22-24).
    Risultato di questo martellamento è che molti si allontanino da amici e partenti che sono visti strumenti di Satana per deviarli dalla fede.
  3. Love bombing o bombardamento d’amore, rivolto a chi si affaccia per la prima volta nella Sala del Regno. Tutti si presentano al nuovo arrivato, gli offrono il posto più bello e la sedia più comoda, gli prestano la propria bibbia e la propria rivista di studio,… quando però qualcuno fuoriesce dal gruppo non viene neppure più salutato!
  4. Fargli credere che solo il gruppo lo ama e perciò incentivare la frequentazione. Al neofita viene fatto credere che solo il gruppo possiede la Verità, fuori c’è guerra, ingiustizia, malvagità, pertanto per mantenersi puri è bene frequentare quanto più è possibile i fratelli, da cui si può imparare molto per rimanere nella fede.
  5. Attribuirgli un ruolo; ognuno nel gruppo possiede il proprio ruolo (Anziano, Proclamatore, Sorvegliante, Usciere, …). Il riconoscimento di un ruolo, esaltato di tanto in tanto dai superiori, con i rispettivi diritti e doveri, fa vivere felici e tranquilli!
  6. Ripetere fino all’ossessione i discorsi a contenuti dottrinali
    “Qualsiasi vera trasformazione deve includere un rinnovamento radicale della mente. Come si può dunque rinnovare questa forza in modo da inclinare la propria mente? … gli scienziati spiegano che nel cervello le informazioni, sotto forma di segnali elettrici o chimici codificati, viaggiano da un neurone all’altro, attraverso molte giunzioni chiamate sinapsi … quando lo stesso segnale ripassa un’altra volta, la cellula nervosa lo riconosce e reagisce più rapidamente. Col tempo questo crea nell’individuo un nuovo modello di pensiero” (da La Torre di Guardia del 1° marzo 1993, p. 16, 17)
  7. Impegnarlo in uno studio sistematico dei libri della società: i TdG non studiano la Bibbia, come ci fanno credere, ma sono perennemente impegnati nello studio della rivista La Torre di Guardia, perché settimanalmente devono essere sottoposti ad interrogazioni collettive, su alcuni articoli imposti dal Corpo Direttivo (CD) a capo di tutti i TdG, e del libro di Congregazione, di volta in volta scelto dal CD.
  8. Limitare l’uso dell’informazione, visto che il mondo esterno è governato da Satana. Anche la stampa è strumento di Satana per deviare dalla Verità, quindi i TdG leggono esclusivamente quello che passa la Società Torre di Guardia.
  9. Indurre timore: chi trasgredisce sa che deve essere sottoposto ad un Comitato Giudiziario, presieduto da 3 Anziani di Congregazioni, che indagano sul presunto peccatore, senza che gli sia data la possibilità di difendersi.

 

Per i TdG di seconda generazione le modalità di indottrinamento sono più semplici, ma ugualmente distruttive.

Il bambino già piccolissimo viene sottoposto ad un programma di addestramento teocratico che include non solo l’assidua frequentazione di tutte le adunanze, ma lo studio a casa, con i propri genitori, di alcuni libri opportunamente scritti per lui (Ascoltate il grande insegnante; Il mio libro di racconti biblici). Quando egli sarà adolescente studierà Come ottenere il meglio dalla tua giovinezza e I giovani chiedono, …risposte pratiche alle loro domande. Ogni aspetto della sua vita sarà pianificato.

Riguardo alla frequentazione delle manifestazioni religiose dei TdG, i fuorusciti di seconda generazione denunciano l’insofferenza vissuta dal bambino nello stare fermo, per due ore, ad ascoltare argomenti che non sempre lo interessano, a rispondere alle domande durante lo studio della Torre di Guardia e a prendere appunti che poi a casa saranno controllati dai propri genitori, che vorranno verificare il suo grado di attenzione.

Per effettuare la mia ricerca ho assistito alle varie adunanze e alle assemblee. Le assemblee durano giornate intere, e durante la frequentazione di una di esse, ho potuto verificare come l’irrequietezza dei bambini piccolissimi, venisse punita in modo piuttosto severo, spesso fisicamente, perché ogni genitore deve dimostrare che la propria famiglia è estremamente attenta alle parole di Geova.

Tale educazione autoritaria viene incitata dalle stesse pubblicazioni della società affinché i propri figli diventino un giorno pionieri, missionari, o volontari alla Betel.

L’atteggiamento esigente dei genitori nei confronti dei loro figli, quindi, non corrisponde più ad un’accettazione delle loro potenzialità. Infatti tale modo coercitivo di educazione tende a ridurre al minimo l’espressione dei bisogni del minore. L’effetto è ravvisabile nei bambini più grandicelli della congregazione in cui ho effettuato la ricerca, che mostravano un atteggiamento mite, poco litigioso, ma nel contempo poco affettuoso e privo di curiosità, di iniziativa e di spontaneità. Essi sembravano aver investito il ruolo di adulti responsabili, con la loro copia della Bibbia e la valigetta di piccole dimensioni, proprio a loro misura.

Al contrario, i loro compagni di classe hanno evidenziato aspetti importanti nella loro interazione con gli stessi bambini TdG, quali la difficoltà a controllare i propri impulsi e la propria aggressività, probabilmente dovuti alla continua presa di coscienza dell’impossibilità di partecipare ad ogni momento dell’attività scolastica, com’è previsto dai dettami del CD, che possono minare il processo di crescita spirituale, e dalla visione negativa che egli stesso ha dei suoi compagni di classe, frutto del continuo indottrinamento.

Tutto ciò produce un senso di inadeguatezza nel bambino, che man mano si isola dai suoi compagni, finendo per essere ghettizzato.

Che fare dunque? Credo che tutti dobbiamo imparare ad essere consumatori oculati. Quindi quando ci viene proposto di aderire a qualsiasi gruppo, impariamo a fare domande sulla sua storia, dottrina, … e soprattutto soffermiamoci ad ascoltare i fuorusciti, i tanto nemici delle sette, per capire cosa li ha portati a venir fuori dal gruppo. Questa indagine ci porterà via un po’ di tempo, ma sicuramente sarà utile per preservarci da brutte sorprese.

18 Febbraio 1999

Dr.ssa Lorita Tinelli
Membro del G.R.I.S.
(Gruppo di Ricerca e di Informazione sulle Sette)
autrice del libro
Tecniche di persuasione tra i Testimoni di Geova,
Città del Vaticano, 1998, p. 309

 

Annunci
 
Lascia un commento

Pubblicato da su 18 febbraio 1999 in Studi

 

Tag: , , , , , ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
controllomentale

A cura di Lorita Tinelli

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: